Contapassi

Article
logo mezzamaratona icona

Contapassi

Il contapassi (o pedometro) è uno strumento da indossare all’altezza della vita, che calcola la distanza percorsa in base alla lunghezza del passo, fornisce i valori della velocità, delle calorie bruciate e del tempo di percorrenza.
Non consente però di misurare il livello di sforzo ed è meno preciso rispetto al GPS nel misurare la distanza percorsa.

E’ in defnitiva uno strumento che può essere utile per tutti quei podisti che sono soliti cambiare percorso di allenamento oppure per esordienti che intendono monitorare la propria performance in maniera semplice ed immediata. L’evoluzione della tecnologia ha consentito di superare i due punti di debolezza principali del contapassi: la maneggevolezza e la precisione. La prima caratteristica è piuttosto importante per i runner più esigenti, che vogliono un contapassi leggero e non ingombrante. Attualmente è possibile utilizzare strumenti non più grandi di un accendino e pesanti qualche decina di grammi. Per quanto riguarda la precisione, il contapassi è tarato sul passo del soggetto, misurato come media di un certo numero di passi (si cammina o si corre per dieci passi, si misura la distanza percorsa e si divide per dieci). I contapassi più sofisticati hanno diversi tipi di misurazione: camminata, corsa, camminata + corsa. Il contapassi è utile soprattutto per chi desidera fare un’attività fisica moderata: addirittura è utile per controllare quanti chilometri percorriamo al giorno anche semplicemente nel percorso casa-lavoro o per andare a fare la spesa e calcorare di conseguenza il dispendio energetico, mantenendosi in forma.

Link Contapassi Oregon